Erbario di Francesco ARDISSONE

Francesco Ardissone ha iniziato la sua carriera come professore di Botanica a Fano. Più tardi si stabilì a Milano dove occupò la cattedra di Botanica alla Scuola Superiore di Agricoltura. Nel 1871 venne nominato anche direttore dell'Orto Botanico di Brera.
Fu proprio grazie ad Ardissone che la Scuola Superiore di Agricoltura venne in possesso di alcuni importanti erbari commerciali micologici, algologici, biologici ed epatologici, ai quali affiancò le sue personali collezioni algologiche.
Nel 1877 divenne Presidente della Società Crittogamologica Italiana e diede inizio alla pubblicazione della 2° serie dell'Erbario Crittogamico Italiano.
Dal 1897 al 1899 Ardissone coprì la carica di Direttore della Regia Scuola Superiore di Agricoltura e dell'annesso Regio Istituto Botanico.

Tra le sue pubblicazioni si ricordano:
- Enumerazione delle alghe di Sicilia (Genova 1864)
- Enumerazione delle alghe della Marca di Ancona (Fano 1866)
- Gli uffici delle plantae crittogame: prolusione al corso di crittogamologia (Milano 1873, ed. Hoepli)
- Le Alghe: sunto di alcune lezioni di botanica crittogamica dettate nella Regia Scuola Superiore di Agricoltura a Milano (Milano 1874, ed. Lombarda)
- Phycologia Mediterranea (Varese 1883-1887)

Il suo erbario è conservato nell'attuale sede del Dipartimento di Biologia e comprende circa 1500 campioni, tra i quali i più antichi sono esemplari raccolti da Savignone. E' costituito da piante raccolte principalmente in Liguria tra il 1830 e il 1857.

Tra i generi e le specie più comuni troviamo:
  • Amaranthus (A. albus, A. deflexus, A. lividus, A. retroflexus)
  • Artemisia (A. abrotanum, A. absinthium, A.alba turra borealis Pallas, A. campestris)
  • Astragalus (A. alpinus aristatus, A. cicer, A. glicophyllos, A. hamosus, A. monspessulanus, A. purpureus, A. sulcatus)
  • Campanula (C. alpina, C. barbata, C. coespitosa, C. carnica, C. glomerata, C. marettiana, C. papula, C. persicifolia, C. rotundifolia, C. spicata, C. trachelium)
  • Carex (C. digitata, C. distans, C. montana, C. pendula, C. puntata, C. remota, C. riparia, C. selvatica, C. stellulata, C. tormentosa, C. vulpina)
  • Euphorbia (E. amygdaloides, E. diamaesice, E. chonacias, E. cypariassas, E. dulcis, E. esula, E. esigua, E. falcata, E. flaviconia, E. gerardiana, E. maculata, E. mutans, E. palustris, E. paralias, E. peplis, E. peploides, E. phytusa, E. platyphyllas, E. prostrata, E. segetalis, E. serratula, E. spinosa)
  • Gentiana (G. asclepiadea, G. brachyphylla, G. campestris, G. frigida, G. germanica, G. kochiana, G. lutea, G. renella, G. verna)
  • Lathyrus (L. angulatus, L. aphaca, L. cicera, L. clymenum, L. hirsutus, L. latifolius, L. niger, L. ochrus, L. patensis, L. sativus, L. sphaericus, L. silvestris, L. tuberosus, L. vernus)
  • Silene (S. gallica, S. armeria, S. conica, S. dicotoma, S. longiflora, S. multiflora, S. nemoralis, S. nocturna, S. nutans, S. otites, S. paradoxa, S. quadrifida, S. rupestris, S. saxifraga, S. vallesia, S. viscosa)
  • Veronica (V. acininifolia, V. agrestis, V. alpina, V. anagallis, V. arvensis, V. austriaca, V. bercabunga, V. chamaediys, V. fruticans, V. hederifolia, V. jacquinii, V. longifolia, V. montana, V. officinalis, V. ponae, V. serpyllifolia, V. spicata, V. teucrium, V. triphyllos, V. urticifolia, V. verna).